mattiasignorini Ci sono posti dentro di noi che assomigliano ai tetti dei centri commerciali. 2w

» LOG IN to write comment.

mattiasignorini Questo è Rossini, il #gatto del centro. Chi abita nella mia città lo conosce bene. Ha dei padroni ma ama stare fuori casa, entra nei negozi, si sdraia tra gli scaffali, una volta ha dormito tutto il pomeriggio in libreria.
L'ho conosciuto un giorno che stava sulla sedia di un bar, poi è sceso ed è andato verso la banca. L'ho seguito. Lui mi ha guardato e si è messo a miagolare. Gli ho detto: "Rossini, qui non ti faranno mai entrare". Invece poco dopo qualcuno da dentro ha premuto il pulsante e la porta scorrevole si è aperta.
Questa mattina invece se ne stava lì, a girare sotto i portici cercando qualcosa. L'ho chiamato, lui mi ha risposto, si è fatto prendere in braccio per un po' e poi se ne è andato.
Dovremo essere un po' tutti come Rossini, liberi di andare dove vogliamo senza farci troppe domande.
2w

» LOG IN to write comment.

mattiasignorini Ogni tanto mi sembra di vivere nella #camera dei #salami 3w

» LOG IN to write comment.

» LOG IN to write comment.

mattiasignorini #Pasqua con chi vuoi.
#me & my #grandma
1mon

» LOG IN to write comment.

mattiasignorini Quando raggiungi il mare non puoi fare altro che tornare indietro 3mon

» LOG IN to write comment.

mattiasignorini Qualche giorno fa sono stato in una cantina sui colli. Avevo conosciuto il proprietario a una delle ultime presentazioni e mi aveva invitato ad andare da lui. Mi ha fatto assaggiare una grappa di fiori d'arancio e due vini, di cui uno riserva. Un vino eccezionale. Gli ho chiesto come fa a fare un vino così. Lui mi ha detto: "Devi selezionare le uve migliori, e poi aspettare. Vieni con me, ti faccio vedere." Mi ha portato in una stanza piena di piccole botti di rovere francese, messe una in fila all'altra. Mi ha spiegato che lì quel vino ci sta ventiquattro mesi e alla fine viene selezionata per l'imbottigliamento solo la quantità di quattro botti ogni dieci.
A me in quelle botti, e in quel vino, che nasce prima da una scelta, e poi dal tempo, è sembrato di vedere i rapporti davvero speciali che abbiamo con pochissime persone. E quelli rari che potrebbero diventarlo. Ha a che fare con il guardare un intero vigneto e intuire l'uva migliore per noi lasciando perdere tutto il resto.
4mon

» LOG IN to write comment.

mattiasignorini Negli ultimi mesi, le sere in cui non sono in giro per incontri e lavori vari, spesso preferisco passarle a casa. Da solo o con amici. È un sentire che si è fatto spazio nel tempo, senza che nemmeno me ne accorgessi. Qualcosa che ha a che fare con i confini di un mondo: il nostro mondo più personale e intimo. È la consapevolezza che rallentare non significa fermarsi, che un buon film o una serie tv, un libro che non vuoi smettere di leggere e un bicchiere di vino in compagnia di poche persone fanno accendere il cervello molto più che girare senza meta per locali. È la bellezza di prendere il mondo che abbiamo dentro e costruirlo così com'è anche di fuori, per noi stessi e per le persone a cui vogliamo bene. Ci sono mondi infiniti anche sopra a un divano, progetti che nascono e di cui si puó parlare tutta la notte, basta solo saperli inventare. (Per questo la mia prossima morosa, ovunque sia adesso, dovrà amare coperte di lana e cinema e serie tv e libri e mangiare, magari le cose che le cucineró o che cucineremo insieme tra un film e l'altro, ma questa è solo una nota a margine) 5mon

» LOG IN to write comment.

mattiasignorini I #treni regionali semivuoti la #domenica #mattina presto forse portano da qualche parte ai confini del mondo.
#train #sunday #viaggio #travel #perugia #arezzo #rovigo
5mon

» LOG IN to write comment.

mattiasignorini Di nuovo in treno. Con me ho un romanzo che ha vinto il #Pulitzer nel 2010. È la quinta volta che lo inizio e non riesco mai a finirlo, eppure è scritto dannatamente bene. Sarà anche l'ultimo inverno che lo porteró con me? Strane faccende che sono i #libri, ti chiamano, ti cacciano, con alcuni fai un percorso che arriva fino all'ultima pagina, altri li continui a #leggere anche molto tempo dopo che sono finiti. E questi ultimi sono i migliori, no? (Penultima presentazione dell'anno per #lefragiliattese a #Terni per #Umbrialibri, oggi al caffè letterario di piazza Repubblica alle 17. Se c'è qualcuno di quelle parti accetto inviti per la serata a girar per #osterie e luoghi affini con ricchi cotillons) 5mon
  •   fabiogeda Libro strano. Affascinante. Ricordo che mi piacque ma non ricordo di cosa parla. 5mon
  •   mattiasignorini @fabiogeda Riassunto minimal: un uomo sta per morire. Flash senza ordine cronologico di tutta la sua vita. Affascinante, sì. 5mon
  •   beatricez1304 Consolante che capiti questo anche a uno scrittore......finora mi ero sentita un po' in colpa come lettrice 5mon
  •   mattiasignorini @beatricez1304 uno scrittore è un lettore come tutti gli altri ;) 5mon

» LOG IN to write comment.

mattiasignorini #Repost @giuliolapa ・・・
#mattiasignorini#signorini#lefragiliattese#marsilio#2015#vittorioveneto#viaroma#pensionerosa#serravalle#libri#lettura
“Non so se mi capisce. Aveva perso la voglia di vivere. Non voleva più avere a che fare con nessuno. E Penelope, l’ha conosciuta Guido. Vede, chi sopravvive a qualcuno che ama, poi passa il resto della sua vita a farci i conti”.
Mattia Signorini, Le fragili attese, Marsilio, 2015
5mon

» LOG IN to write comment.

mattiasignorini Teniamo fermo un nostro #pensiero sui #morti innocenti di #Parigi, uccisi da #terroristi francesi che vivono in territorio francese, e fermiamone un altro anche per gli oltre 250.000 morti in #Siria, vittime dello stesso #terrorismo ma anche dei nostri #bombardamenti. Valgono forse di meno? 6mon

» LOG IN to write comment.